Digressione

Avviso

Avviso per i ragazzi di prima che non hanno il libro di grammatica: trovate qui e sul registro elettronico le pagine da studiare e da completare.

Annunci

Il mito del diluvio universale.

Finalmente un post anche per i ragazzi di 1B!

In questi giorni stiamo leggendo alcuni miti di culture diverse che raccontano la storia del diluvio universale. Nel vostro libro avete trovato la storia dell’eroe babilonese Utnapishtim (a proposito: si pronuncia così), le cui gesta sono narrate nell’epopea di Gilgamesh, ed il racconto del diluvio dei Nativi americani.

Qui sotto vi propongo altre due versioni del mito.

Ecco il racconto della vicenda del diluvio universale secondo la Bibbia:

Vi invito poi a leggere il mito dell’antica Grecia di Deucalione e Pirra. Potete trovarlo qui. Le domande di comprensione (da stampare o ricopiare sul quaderno) sono invece a questo indirizzo.

Citazione

Il cavaliere del secchio

Crediti: http://burabacio.wordpress.com/2013/11/05/il-cavaliere-del-secchio-e-la-fantasia-secondo-dante/

Stamattina abbiamo letto in classe lo strano racconto di Kafka “Il cavaliere del secchio”. Ecco come ne parla Italo Calvino in una delle sue famose conferenze poi confluite nella raccolta “Lezioni americane”:

Vorrei chiudere questa conferenza ricordando un racconto di Kafka, Der Kübelreiter (Il cavaliere del secchio).

E’ un breve racconto in prima persona, scritto nel 1917 e il suo punto di partenza è evidentemente una situazione ben reale in quell’inverno di guerra, il più terribile per l’impero austriaco: la mancanza di carbone. Il narratore esce col secchio vuoto in cerca di carbone per la stufa. Per la strada il secchio gli fa da cavallo, anzi lo solleva all’altezza dei primi piani e lo trasporta ondeggiando come sulla groppa d’un cammello. La bottega del carbonaio è sotterranea e il cavaliere del secchio è troppo in alto; stenta a farsi intendere dall’uomo che sarebbe pronto ad accontentarlo, mentre la moglie non lo vuole sentire. Lui li supplica di dargli una palata del carbone più scadente, anche se non può pagare subito. La moglie del carbonaio si slega il grembiule e scaccia l’intruso come caccerebbe una mosca. Il secchio è così leggero che vola via col suo cavaliere, fino a perdersi oltre le Montagne di Ghiaccio.

Molti dei racconti brevi di Kafka sono misteriosi e questo lo è particolarmente. Forse Kafka voleva solo raccontarci che uscire alla ricerca d’un po’ di carbone, in una fredda notte del tempo di guerra, si trasforma in quête di cavaliere errante, traversata di carovana nel deserto, volo magico, al semplice dondolio del secchio vuoto. Ma l’idea di questo secchio vuoto che ti solleva al di sopra del livello dove si trova l’aiuto e anche l’egoismo degli altri, il secchio vuoto segno di privazione e desiderio e ricerca, che ti eleva al punto che la tua umile preghiera non potrà più essere esaudita, – apre la via a riflessioni senza fine.

Avevo parlato dello sciamano e dell’eroe delle fiabe, della privazione sofferta che si trasforma in leggerezza e permette di volare nel regno in cui ogni mancanza sarà magicamente risarcita. Avevo parlato delle streghe che volavano su umili arnesi domestici come può essere un secchio. Ma l’eroe di questo racconto di Kafka, non sembra dotato di poteri sciamanici né stregoneschi; né il regno al di là delle Montagne di Ghiaccio sembra quello in cui il secchio vuoto troverà di che riempirsi. Tanto più che se fosse pieno non permetterebbe di volare. Così, a cavallo del nostro secchio, ci affacceremo al nuovo millennio, senza sperare di trovarvi nulla di più di quello che saremo capaci di portarvi. La leggerezza, per esempio, le cui virtù questa conferenza ha cercato d’illustrare.

Per saperne di più su questo racconto, clicca qui.