Citazione

Giornata della memoria 2016.

Cerco la parola

Voglio con una parola
descriverli.
Prendo le parole quotidiane, dai dizionari le rubo,
misuro, peso e scruto.
Nessuna corrisponde.

Le più ardite – sanno di codardia,
le più sdegnose – ancora sante,
le più crudeli – troppo compassionevoli,
le più odiose – troppo poco violente.

Questa parola deve essere come un vulcano,
che erutta, scorre, abbatte
come terribile ira di Dio,
come odio bollente.

Voglio che questa unica parola
sia impregnata di sangue,
che come le mura tra cui si uccideva
contenga in sé tutte le fosse comuni.
Che descriva precisamente e con chiarezza
chi erano loro – tutto ciò che è successo.
Perché questo che ascolto,
perché questo che si scrive
è ancora troppo poco.

La nostra lingua è impotente,
i suoi suoni all’improvviso poveri.
Cerco con lo sforzo della mente
cerco questa parola
ma non riesco a trovarla.
Non riesco.

WISŁAWA SZYMBORSKA

Annunci

Stelle sulla Terra.

49377“Stelle sulla Terra” (Taare Zameen Par) è un film indiano del 2007 in cui viene raccontata la storia di  Ishaan, un bambino di nove anni in grande difficoltà a scuola perché dislessico.

Per capire meglio che cos’è la dislessia, puoi vedere questo video. Se invece vuoi renderti conto di come vede un testo un dislessico, guarda qui.

Dopo la visione del film, proviamo a comporre sul quaderno dei brevi testi partendo dalle domande-stimolo proposte qui sotto. Vi ricordo di seguire le regole concordate per il quick write.

  • In una delle prime scene del film, Ishaan viene obbligato dalla maestra a leggere ad alta voce una frase del libro, ma non ci riesce. Quali sentimenti e quali emozioni secondo te avrà provato il bambino? Ti sei mai sentito come lui in qualche situazione? Racconta.
  • Il ritornello della canzone che accompagna la fuga di Ishaan dalla scuola recita “All I need is to be free” (Tutto quello di cui ho bisogno è essere libero). Ishaan si sente prigioniero di una scuola che non lo capisce: anche tu hai una prigione oppure ti senti libero di fare le tue scelte?
  • Durante la sua fuga da scuola, Ishaan si dimostra un bambino molto curioso e interessato alle attività delle persone che lo circondano. Tu cosa faresti in una mattina di completa libertà?
  • Quando vengono a sapere della fuga di Ishaan, i suoi genitori si arrabbiano molto. Secondo te per quale motivo? Anche a te è capitato di aver fatto preoccupare i tuoi genitori? Cosa è successo?
  • Il piccolo Ishaan viene mandato in collegio. All’inizio è disperato, crede di vivere in un incubo, ma tutto cambia quando arriva un nuovo supplente molto diverso dall’insegnante precedente, che voleva solo che gli alunni ripetessero a memoria. Il nuovo maestro chiede ai bambini ben altro. Leggi i sottotitoli della canzone e spiega qual è secondo te il messaggio del maestro.
  • Il supplente di arte, il maestro Nikumbh, si rende conto che Ishaan è dislessico e per questo sta perdendo fiducia in se stesso. Il maestro va allora a parlare con la famiglia del bambino e spiega loro la situazione. Durante il colloquio, l’insegnante dice che “ogni bambino possiede un suo talento, ha delle sue abilità, ha i suoi interessi”. Tu quale pensi che sia il tuo dono? In cosa ti ritieni bravo o portato?
  • Durante una lezione, il maestro presenta ai bambini tanti personaggi famosi che da piccoli avevano problemi a leggere e a scrivere. Dice che sono “stelle che con la loro luce hanno illuminato il mondo, perché sono riuscite a farci guardare le cose con i loro occhi”. Da qui il titolo del film. Cosa significa questa frase per te?
  • Quando il maestro Nikumbh parla con il preside, dice che ogni bambino deve avere la possibilità di realizzare i suoi sogni. Qual è il tuo desiderio più grande? Come pensi di realizzarlo?
  • Parlando con il padre di Ishaan, il maestro Nikumbh spiega cosa significa secondo lui prendersi cura di qualcuno. Sei d’accordo con lui? Nelle relazioni con gli altri, stai attento a rispettarli e a non offendere la loro sensibilità? Racconta un episodio.
  • Durante la gara di pittura, puoi ascoltare la canzone “Kholo Kholo”. Se leggi con attenzione i sottotitoli (“Tu sei il sole ed i suoi raggi, tu sei il fiume e l’acqua che vi scorre. Scoprirai il tuo destino solo correndo incontro alla tua felicità…”), ti renderai conto che tutta la canzone è un invito a prendere in mano la nostra sorte e a costruire il futuro che vogliamo. Tu stai lavorando per costruire il tuo futuro?
  • Ishaan vince la gara di pittura, ed è così felice da non riuscire a trattenere le lacrime. Per la prima volta, nella sua vita, ha dimostrato quello che vale. Alla fine della cerimonia, riconoscente, va ad abbracciare il suo maestro che lo ha sempre incoraggiato e sostenuto. Quando tu sei in difficoltà, da chi vai? C’è una persona nella tua vita che ti sprona a dare il massimo e ti consola quando sei triste?
  • Come cambia l’atteggiamento di Ishaan dalle prime scene del film alla parte finale? Il bambino riesce a trasformare un disastro (il collegio) in una grande occasione. Ti è mai successo di aver cambiato idea su una situazione o una persona? Come ti sei comportato?

Il diario. Seconda parte.

anne_writingIl diario intimo è sicuramente la scrittura più praticata di questo genere letterario. Uno dei diari personali più famosi e rappresentativi è quello scritto da Anna Frank, una ragazzina olandese di religione ebraica vissuta durante la Seconda guerra mondiale e morta nel campo di concentramento di Bergen-Belsen nel 1945.

Per conoscere la sua storia, vi consiglio di visitare il sito ufficiale della “Anne Frank House, l’alloggio segreto dove Anna e la sua famiglia si nascosero per due lunghissimi anni per sfuggire alle persecuzioni naziste. Qui potete leggere la vicenda della ragazza, sfogliare la cronologia e vedere le immagini dell’alloggio; qui invece trovate la storia di Anna in breve.

Durante il periodo di isolamento, Anna tiene un diario in cui annota non solo i fatti accaduti ma soprattutto le sue riflessioni e le sue emozioni di adolescente. Il suo diario fu ritrovato nell’alloggio segreto e pubblicato per volere del padre della ragazza. Da pochi giorni sono scaduti i diritti d’autore, perciò è possibile scaricarlo gratuitamente dalla rete: puoi andare qui oppure qui.

Vi propongo adesso la visione di un filmato introduttivo alla storia di Anna e del suo diario:

Se non riesci a visualizzare il filmato, clicca qui.

Qui  invece potete ascoltare alcuni brani tratti dal suo diario: