Poesia dorsale.

I poeti.
Non meravigliatevi. I poeti sono tutti
un solo invisibile, indistruttibile popolo.
Parlano e sono muti. Trascorrono ère
e cantano ancora in un’antica lingua morta.
Nascono e spariscono civiltà,
ma sempre vanno lungo la strada del cuore.
Parlano di partenze, di ritorni.
Sono uguali per quel che non dicono.
Tacciono come rugiada, semenza, desiderio,
come acque scorrenti sull’argilla,
poi con il canto sottile dell’usignolo
nel bosco divengono agile sorgente sonora.
(Elio Pecora)

Ecco le nostre poesie “trovate”. Se leggete con attenzione, in ognuna potete sentire la nostra voce.

Persi tra i flutti

IMG_20160224_104951

L’amore è più forte

IMG_20160224_105820

Non era un sogno

IMG_20160225_100045

Rivoluzione notturna

IMG_20160225_114930

Merenda con rapimento

IMG_20160225_114857

Tutto è cambiato

IMG_20160225_114955

Marte, A.D. 2543

IMG_20160225_152615

Annunci

Luigi XIV, il Re Sole.

Luigi XIV divenne re di Francia a soli cinque anni. Era troppo piccolo per governare, perciò al suo posto prendevano le decisioni sua madre, Anna d’Austria, e il cardinale Mazzarino.

Erano gli anni della Fronda, un movimento di protesta portato avanti dai nobili che volevano destituire il re e prenderne il posto. Il termine “fronda” significa in francese “fionda”, e prende origine proprio dalla fionde usate dai parigini per distruggere i vetri del palazzo reale.

Questo periodo segnò l’infanzia del piccolo Luigi, e determinò molte delle sue successive decisioni.

Nel 1661, a ventitré anni, dopo la morte di Mazzarino, Luigi XIV decise di assumere il potere assoluto in Francia. Il re concentrò tutto il potere nelle sue mani, abolendo molti ministeri e apparati statali. Iniziò quindi il periodo chiamato “assolutismo francese”.

Per capire meglio cosa si intende per monarchia assoluta puoi vedere il seguente video:

Per evitare una nuova Fronda, Luigi XIV allontanò i nobili dagli affari di stato, invitandoli – ma in realtà imprigionandoli –  nella reggia di Versailles, un immenso palazzo subito fuori Parigi.

Qui i nobili vivevano in mezzo allo sfarzo e ai lussi: per sostenere questo altissimo tenore di vita erano costretti a spendere gran parte dei loro averi e non avevano più né tempo né denaro per dedicarsi alla politica.

Sei curioso di sapere come passavano la giornata i nobili a Versailles? Guarda il video e lo scoprirai:

“Il re provvedeva a tutte le necessità dei nobili che ospitava ( vitto, alloggio, vestiario). Ai più assidui, dava delle cariche simboliche (ciambellano, coppiere); il monarca dispensava  ogni cosa con generosità, forse con una punta di disprezzo. Ecco dunque l’alta nobiltà, mantenuta dal re perché non faccia nulla, soprattutto non cospiri, asservita alla persona del re, chiusa in una gabbia dorata, ma chiusa! Qualche migliaio di cortigiani abili nella sola arte di farsi vedere, di essere eleganti, che si ritengono fortunati se ricevono un sorriso benevolo dal re o se possono passargli la coppa del vino, impennacchiati e in abiti di gala sin dal mattino, inondati di profumo sul loro sudiciume (poiché l’etichetta di palazzo riserva pochissimo tempo alle abluzioni)… Una vita umiliante, ai nostri occhi. La nobiltà smarrisce completamente l’ideale militare del medioevo e finisce col riporre la sua ambizione nel quotidiano servizio di corte, accetta di vivere in funzione delle feste e dei piaceri in una prigione dorata, priva di qualunque funzione politica”.

Georges Duby

Come ormai avrai intuito, la vita a corte ruotava intorno alla figura del re, che ben presto iniziò a farsi chiamare “Re Sole“, proprio perché si considerava come l’astro intorno al quale ruotano tutti i pianeti.

Per concludere, ecco un breve ritratto del grande sovrano francese:

Se non riesci a visualizzare il filmato, clicca qui.

Il viaggio dell’eroe.

chiamata_11

Nel suo famoso saggio “Il viaggio dell’eroe”, Christopher Vogler ha ipotizzato la presenza di un’unica struttura di fondo comune a tutte le storie eroiche. In sostanza, secondo lo sceneggiatore americano le storie di Perseo, Frodo, Luke Skywalker, Harry Potter e di tanti altri eroi seguono il medesimo modello narrativo.

Per capire meglio, guarda il video qui sotto (ricordati di mettere i sottotitoli in italiano!):

Nel filmato viene analizzata la trama di Hunger Games secondo lo schema proposto da Vogler. Adesso prova tu: scegli un libro (o un film) che abbia un protagonista eroico e analizzane la trama seguendo lo schema ciclico del viaggio dell’eroe.

Il video inoltre ti esorta anche a considerare la tua vita come una sorta di viaggio mitico. Commenta la frase di Joseph Campbell “Nella caverna dove hai paura di entrare, si trova il tesoro che stai cercando”. Qual è la tua caverna? Qual è il drago che ti impedisce di entrare? Quale tesoro pensi che possa contenere?

Buon lavoro e… buon viaggio!