Luigi XIV, il Re Sole.

Luigi XIV divenne re di Francia a soli cinque anni. Era troppo piccolo per governare, perciò al suo posto prendevano le decisioni sua madre, Anna d’Austria, e il cardinale Mazzarino.

Erano gli anni della Fronda, un movimento di protesta portato avanti dai nobili che volevano destituire il re e prenderne il posto. Il termine “fronda” significa in francese “fionda”, e prende origine proprio dalla fionde usate dai parigini per distruggere i vetri del palazzo reale.

Questo periodo segnò l’infanzia del piccolo Luigi, e determinò molte delle sue successive decisioni.

Nel 1661, a ventitré anni, dopo la morte di Mazzarino, Luigi XIV decise di assumere il potere assoluto in Francia. Il re concentrò tutto il potere nelle sue mani, abolendo molti ministeri e apparati statali. Iniziò quindi il periodo chiamato “assolutismo francese”.

Per capire meglio cosa si intende per monarchia assoluta puoi vedere il seguente video:

Per evitare una nuova Fronda, Luigi XIV allontanò i nobili dagli affari di stato, invitandoli – ma in realtà imprigionandoli –  nella reggia di Versailles, un immenso palazzo subito fuori Parigi.

Qui i nobili vivevano in mezzo allo sfarzo e ai lussi: per sostenere questo altissimo tenore di vita erano costretti a spendere gran parte dei loro averi e non avevano più né tempo né denaro per dedicarsi alla politica.

Sei curioso di sapere come passavano la giornata i nobili a Versailles? Guarda il video e lo scoprirai:

“Il re provvedeva a tutte le necessità dei nobili che ospitava ( vitto, alloggio, vestiario). Ai più assidui, dava delle cariche simboliche (ciambellano, coppiere); il monarca dispensava  ogni cosa con generosità, forse con una punta di disprezzo. Ecco dunque l’alta nobiltà, mantenuta dal re perché non faccia nulla, soprattutto non cospiri, asservita alla persona del re, chiusa in una gabbia dorata, ma chiusa! Qualche migliaio di cortigiani abili nella sola arte di farsi vedere, di essere eleganti, che si ritengono fortunati se ricevono un sorriso benevolo dal re o se possono passargli la coppa del vino, impennacchiati e in abiti di gala sin dal mattino, inondati di profumo sul loro sudiciume (poiché l’etichetta di palazzo riserva pochissimo tempo alle abluzioni)… Una vita umiliante, ai nostri occhi. La nobiltà smarrisce completamente l’ideale militare del medioevo e finisce col riporre la sua ambizione nel quotidiano servizio di corte, accetta di vivere in funzione delle feste e dei piaceri in una prigione dorata, priva di qualunque funzione politica”.

Georges Duby

Come ormai avrai intuito, la vita a corte ruotava intorno alla figura del re, che ben presto iniziò a farsi chiamare “Re Sole“, proprio perché si considerava come l’astro intorno al quale ruotano tutti i pianeti.

Per concludere, ecco un breve ritratto del grande sovrano francese:

Se non riesci a visualizzare il filmato, clicca qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...