Contagio positivo.

Il corto animato che abbiamo appena visto ci suggerisce che il razzismo è come una epidemia: spesso il contagio arriva dalla società, dagli amici, dall’ambiente familiare, talvolta purtroppo anche dalla scuola.

È facile essere contagiati dal razzismo ed è anche altrettanto facile contagiare gli altri. Fortunatamente noi abbiamo trovato un antidoto: la conoscenza. Essere razzisti significa in primo luogo essere profondamente ignoranti, nel senso etimologico del termine, ovvero “non sapere”, “non conoscere” molte nozioni fondamentali, come ad esempio l’assai poco trascurabile dettaglio che le razze umane non esistono.

Torniamo adesso al nostro corto animato. Immaginiamo di vivere davvero in un mondo dove i sentimenti e le idee possono essere trasmessi “per contagio”. Quale aspetto della tua personalità vorresti trasmettere agli altri? Perché?

Scrivi le tue riflessioni sul taccuino.

Il problema dell’acqua.

L’acqua è il bene più prezioso che abbiamo, eppure spesso neanche ci rendiamo conto di quanto sia importante. Il nostro organismo è composto per il 65% di acqua, da questa sostanza dipende la vita sulla Terra.

I nostri sprechi e i cambiamenti climatici sono responsabili di una situazione intollerabile: troppe persone nel nostro pianeta non hanno accesso all’acqua potabile.

Per capire le dimensioni di questa problematica, leggi questo articolo: “La sete del mondo” (Rivista Focus) e guarda questa presentazione.

Se vuoi sapere qualcosa in più sull’argomento, ti consiglio la visione di questo documentario diviso in tre parti (1, 2, 3).

Molto interessante anche la storia dell’acqua in bottiglia.

La Seconda rivoluzione industriale e la Belle Époque.

Cari ragazzi di terza, cliccate sull’immagine qui sotto per accedere alla lezione sulla Seconda rivoluzione industriale e la Belle Époque realizzata in collaborazione con il prof. Volpe. Storia, letteratura, geografia, scienze e tecnologia in un unico contenitore: abituatevi a lavorare in modo interdisciplinare in vista dell’esame. Buono studio!

be

Teniamo in ordine il quadernone. (1B)

Per chi (… ehm…) si fosse distratto in classe, ecco i vari settori in cui dividere il quadernone ad anelli:

  • I miei territori di scrittura
  • Lezioni per scrittori
  • Poesia
  • Testo narrativo
  • Libri che vorrei leggere
  • Lezioni per lettori
  • Glossario
  • Annotazioni
  • Compiti

Vi ricordo che avete tempo fino a lunedì per organizzare il materiale poi… comincerà la nostra avventura!

Mi raccomando: leggete il vostro libro di lettura almeno per mezz’ora al giorno e ricordate il nostro motto…

SCRIVERE È PENSARE SULLA CARTA

Brava Isabella!

Ecco altre copertine: Bravi Tommaso, Chiara e Diletta!