Giornata della memoria 2017.

66416j

Per i ragazzi di prima, ecco l’albo illustrato che abbiamo letto in classe: “Il volo di Sara”, scritto da Lorenza Farina e illustrato da Sonia M.L. Possentini.

 

Annunci

La battaglia di Hastings.

La testa ben fatta

Come si è svolta la battaglia di Hastings? Guarda questo video per saperne di più:

Se hai problemi a visualizzare il video, clicca qui.

In questo sito, invece, trovi la ricostruzione della battaglia che abbiamo visto in classe (la superiorità dei Sassoni sulla collina, la finta ritirata dei Normanni…):

Come già ben sai, la battaglia è stata rappresentata nell’arazzo di Bayeux (consulta il tuo libro di testo alle pagg 174-175). Qui puoi vederne il contenuto in maniera “animata”:

Adesso tocca a te, prova a rispondere (sul quaderno) alle seguenti domande:

  • Per quale motivo è scoppiata la guerra tra Normanni e Anglo-sassoni?
  • Come si è svolta la battaglia di Hastings? Racconta l’andamento dello scontro e le tattiche militari.
  • Osserva bene l’arazzo di Bayeux. Oltre all’episodio bellico (=la battaglia), ti permette di conoscere qualcos’altro? Cosa?
  • L’arazzo è stato realizzato dai vincitori, ovvero dai Normanni…

View original post 76 altre parole

Il fascismo e la lingua italiana.

file-07704-mediaCari ragazzi di terza, vi propongo la visione del documentario “Me ne frego”, realizzato dall’Istituto Luce grazie alla collaborazione della linguista Valeria Della Valle.

In questo filmato si ripercorre la politica linguistica del fascismo, in particolare la lotta alle parole straniere in nome dell’autarchia linguistica; la repressione delle minoranze linguistiche; le liste di proscrizione delle parole straniere; la sostituzione del pronome voi al pronome lei.

Qui potete leggere un articolo tratto dalla rivista Focus.

Di seguito (fonte) potete trovare alcune delle circa 500 le parole “abrogate”, dalla cucina (predominata dal francese) allo sport (con predominanza inglese) fino ad altri campi della produzione e del lavoro.

In alcuni casi le parole sono arrivate nel lessico italiano attuale. In altri, dopo la guerra, sono lentamente state sostituite dai termini originari.

  • brioche: brioscia
  • carrè (uso gastronomico): lombata
  • champagne: sciampagna
  • croissant: cornetto
  • cyclostile: ciclostilo
  • dancing: sala da danze
  • dessert: fin di pasto o peralzarsi
  • embargo: divieto, fermo
  • extra-strong (uso cartario): extra-forte
  • film: pellicola o anche filme/filmo
  • hangar
  • aviorimessa
  • krapfen (in pasticceria): bombola (da cui bomba e bombolone)
  • hotel: albergo
  • goulasc: spezzatino all’ungherese
  • menù: lista
  • stop: alt
  • toast pantosto o pane tostato
  • Cognac: Arzente
  • Panorama: Tuttochesivede
  • Ferry-boat: Treno-battello ponton(paroa che indicava negli anni ’30 un tipo di carrozzeria automobilistica)
  • buffet: rinfresco
  • garage: rimessa
  • sandwich:traidue (e poi tramezzino)
  • whisky: acquavite
  • gangster: malfattore
  • water-closet: sciacquone
  • croissant: cornetto
  • régisseur: regista
  • chauffeur: autista
  • claxon: tromba o sirena
  • record: primato
  • swing: slancio
  • menu: lista
  • bordeaux:color barolo
  • tessuto principe di Galles: tessuto principe
  • insalata russa: insalata tricolore
  • chiave inglese: chiavemorsa
  • Bar: Quisibeve
  • Picnic: pranzoalsole
  • cocktail: polibibita *
  • zar e zarina: cesare e cesarina
  • plaid: scialle da viaggio
  • buffet: rinfresco o tavola fredda
  • bouvette: mescita
  • boy-scout. giovane esploratore
  • flirt: amoretto
  • ouverture: overtura
  • papillon: cravattino
  • parquet: tassellato
  • pied-à-terre: fuggicasa
  • pullman: torpedone
  • pullover: maglione o farsetto
  • smoking: giacchetta da sera
  • soubrette: brillante
  • tennis: pallacorda
  • playboy/viveur: vitaiolo
  • Cotillons: cotiglioni
  • Garçonnièr: giovanottiera

Non scamparono nomi e città (qui ci sarebbe una lunga lista per l’Alto Adige)

  • Buenos Aires: Buonaria
  • Churchill:  Ciorcil
  • Louis Armstrong: Luigi Braccioforte
  • Washington: Vosintone

Alcune parole furono coniate di sana pianta come

  • velivolo, coniata da D’Annunzio, che sostituì macchina volante
  • eja eja alalà che fu il sostituto di Hip hip Hurrà (sempre per mano di D’Annunzio)
  • l’espressione essere una mezza cartuccia è tra le più amate espressioni di Mussolini per offendere i nemici

Mantennero simile pronuncia ma diversa grafia

  • alcool: àlcole
  • bidet: bidè
  • bleu: blu
  • casinò: casino
  • cognac: cògnac
  • mansarde (mansarda): soffitta
  • marron (colore): colore marrone
  • marron glacé: marrone candito
  • seltz: selz
  • wafer (biscotto): vafer
  • walzer: valzer
  • Taxi: Tassì

Nello sport predominava l’inglese per il calcio e il francese per gli sport come la scherma.
Una curiosità è che proprio la parola Sport, dopo un tentativo fallito di renderla con Diporto, non mutò mai.

  • autogoal: autorete
  • bob: guidoslitta
  • bookmaker: allibratore
  • hockey: disco su ghiaccio
  • dribbling: scarto, scavalco
  • raid (aereo): transvolata
  • sprint: scatto
  • slalom (negli sports invernali): obbligata
  • tour: giro
  • trainer: allenatore
  • Football: palla al calcio (poi Calcio)
  • F.I.F. (Federazione Italiana Football) divenne F.I.G.C. (Federazione Italiana Giuoco Calcio)
  • match: macht (con pronuncia identica)
  • le società sportive “Football Club” divennero Associazione Calcio. Solo il Milan restò per ultimo F.C. fino al 1938 per poi diventare Associazione Calcio Milano e poi, nel 1945, Associazione Calcio Milan
  • Rugby: giuoco della Volata o anche giuoco della palla ovale
  • Hockey: ochei, palla-rotelle (per l’hockey su pattini) o disco su ghiaccio (espressione ancora in voga tra gli italiani svizzeri)
  • Basket: palla al cesto  o pallacanestro

Ecco invece il documentario:

La favola.

Cari ragazzi di prima, dopo il  nostro lungo percorso sulla poesia, stiamo per iniziare a scrivere testi in prosa. In particolare inizieremo con il genere più breve tra i testi di invenzione, ovvero la favola.

Il genere letterario della favola ha origini molto antiche. Le favole più note sono attribuite a due autori famosi: Esopo e Fedro.

esopo

(mappa concettuale da copiare nella sezione del quaderno “testi narrativi”)

Qui puoi leggere e in alcuni casi ascoltare alcune favole di questo autore:

Le favole seguenti sono presenti anche nella tua antologia:

fedro

(mappa concettuale da copiare nella sezione del quaderno “testi narrativi”)

Ecco due famose favole di Fedro che puoi leggere anche nella tua antologia:

Molti più tardi, in Francia, nel XVII secolo un autore di nome Jean de La Fontaine riprese la tradizione favolistica di Esopo e Fedro riscrivendo molte favole antiche e componendone di nuove. Qui ne puoi leggere alcune:

Ecco la versione di La Fontaine di due celebri favole: La cicala e la formica e Il lupo e l’agnello.

Ora che ci siamo immersi nelle favole classiche, possiamo provare a delinearne le caratteristiche principali.

la-favola

(mappa da ricopiare nella sezione del quaderno “testi narrativi”)

Video di sintesi: