Le parole.

Cari lettori scrittori di IA, il primo articolo del blog di questo anno scolastico è tutto vostro. Ecco la poesia collettiva che abbiamo scritto in classe dopo aver letto e commentato “Le parole sono perle” di Chiara Carminati.

word cloud

Le parole sono
buone, cattive, gentili,
affettuose, paurose o sentimentali.

Possono essere colorate, succulente
e coccolose ma talvolta
possono ferire
e bruciare come fuoco
chi le riceve.

La parole sono armi
che ti lasciano senza respiro,
sono pistole che ti puntano
e ti vogliono ammazzare.

La parole sono conchiglie
quando mi parlano sento
il rumore del mare.

Le parole sono abbracci
per qualcuno che piange.

Le parole sono muri
quando due persone si parlano
ma non si guardano.

Le parole sono foglie
che volano lontane
ma raccontano storie
che fanno sentire vicini.

Le parole escono dal cuore
che ti dice come usarle.
Devi saperle dire
ma devi anche sapere accettarle.

Le parole sono
palazzi da scalare
per potersi incontrare.

Le parole sono libri
figure da guardare
e note da suonare.

Le parole sono caramelle
che butti giù a manciate
le puoi regalare
o lanciare contro
per fare male.

Possono essere dolci
o con un cuore amaro
possono essere facili
da scartare
o difficili da capire.

Possono essere delle mou
o dei pezzetti di marmo
con un cuore che si scioglie.

Le parole sono
granelli di zucchero
dolci
quando sono gradite
e ti mettono il sorriso
scaduti
quando sono parolacce.

Le parole sono zucchero filato
come fili di parole;
sono come il gelato
goccioline che scendono giù.

Le parole sono pensieri
rumorosi ma leggiadri.

Le parole sono le nostre
uniche difese:
sono infinite
e bisogna moderarle
a volte devi reagire
altre volte puoi essere gentile.

Le parole non si possono comprare
in un negozio normale
le puoi trovare solo
nel negozio della vita.

Le parole sono un intreccio complicato
di binari paralleli
sono calde come lava
o fredde come ghiaccio.

Le parole sono serpenti
che sibilano,
lame dure e affilate,
piume candide e leggere
o un abbraccio piacevole.

Le parole sono carezze
dolci come il miele
ma se non pensi
prima di parlare
ti fanno stare male.

Le parole sono cavalli splendenti
che non smettono di galoppare.

Le parole sono tutto
e sono niente
sono fiori che sbocciano
nella mente della gente.

Il taccuino dell’estate.

Cari ragazzi di prima e di seconda, ecco la sorpresa! Oltre cento spunti per le vostre annotazioni estive. In più, a settembre, potrete confrontare le vostre annotazioni con tantissimi altri studenti di tutta Italia! E allora che aspettate? Annotate!

Le Italian Writing Teachers presentano…

Clicca qui per poter visualizzare la presentazione a schermo intero.

Consigli di lettura per la futura seconda.

Ecco a voi un po’ di consigli per tutti i gusti (+1). So già che molti di voi hanno dei piani ben precisi in testa, e va bene così! Ma per chi fosse ancora incerto qui potrà trovare ispirazione.

STORIE AVVENTUROSE
-Luca Azzolini, La strada più pericolosa del mondo (recensione)
-Ross Welford, In viaggio nel tempo con il criceto (recensione, estratto di lettura)
-Nicolas Gannon, The Doldrums (recensione)
-Michelle Cuevas, Le avventure di Jacques Papier (recensione)
-Massimo De Nardo, Maffin (recensione)

STORIE DI PAURA (dalla meno alla più paurosa!)
-Anthony Horowitz, Villa Ghiacciaossa (recensione)
-Philippa Pearce, Un fantasma in soffitta (libro ad alta leggibilità) (recensione, estratto)
-Marten Sanden, La casa senza specchi (recensione)
-Robert Swindells, La stanza 13 (booktrailer, incipit)
-Francesco Carofiglio, Jonas e il mondo nero (booktrailer, recensione)

GRAPHIC NOVEL
-Raina Telgemeier, Sorelle (recensione)
-Raina Telgemeier, Smile (recensione)
-Victoria Jamieson, Roller Girl (recensione)
-Cece Bell, SuperSorda! (recensione)

ROMANZI DI FORMAZIONE
-Antonio Ferrara, Vivavoce (Attenzione, esce a luglio!)
-Juan Villoro, Il libro selvaggio (recensione)
-Jerry Spinelli, Crash (recensione)
-Maria Giulia Cotini, Shotaro. Il bambino che voleva diventare samurai (recensione)
-Natale Perego, Il drago non mi fa paura (recensione)

STORIE DI SPORT
-Federico Appel, Pesi massimi (libro ad alta leggibilità) (recensione)
-Nicoletta Bortolotti, Sulle onde della libertà (recensione, estratto)
-Eugene Yelchin, Il coraggio di un campione (recensione)

STORIE PER RIDERE
-Guus Kujier, Per sempre insieme, amen (recensione)
-Sue Townsend, Il diario segreto di Adrian Mole (recensione)
-Anne Fine, Un padre a ore (recensione)
-Ian McEwan, L’inventore di sogni (recensione)
-Stefano Benni, Margherita Dolcevita (recensione, incipit)

SENTIMENTI IN PRIMO PIANO
-Paola Zannoner, Dance! (recensione)
-Francesca Bonafini, Celestiale (recensione, podcast)
-Beatrice Masini e Roberto Piumini, Ciao tu (recensione, booktrailer)

ROMANZI GIALLI
-Louise Fitzhugh, Professione spia (recensione)
-Riccardo Davico, Il mistero del faro (recensione)
-Giacomo Papi, La compagnia dell’acqua (recensione)
-Agatha Christie, Dieci piccoli indiani (recensione)
-Agatha Christie, Assassinio sull’Orient Express (recensione)

GIALLI STORICI
-Vanna Cercenà, Giovanni Boccaccio e la ragazza scomparsa (recensione)
-Silvia Vecchini, Dante e il circolo segreto dei poeti (recensione)
-Janna Cairoli, Leonardo e l’enigma di un sorriso (recensione, anteprima)
-Vanna Cercenà, Marco Polo e l’anello del Bucintoro (recensione, prime pagine)
-Valeria Conti, Michelangelo e la lettera misteriosa (recensione, anteprima)
-Valeria Conti, Donatello. Intrighi e sospetti tra le nuvole (recensione)

ROMANZI STORICI
-Roope Lipasti, Un nemico per amico (recensione)
-Chiara Lossani, Le ribelli di Challant (recensione)
-Massimo Polidoro, Il segreto di Colombo (recensione, booktrailer)
-Carlo A. Martigli, L’apprendista di Michelangelo (recensione)
-Carlo A. Martigli, La custode di Leonardo (recensione)

ROMANZI FANTASY
-Timothee De Fombelle, Tobia. Un millimetro e mezzo di coraggio (recensione)
-Katherine Paterson, Un ponte per Terabithia (recensione)
-Luc Besson, Arthur e il popolo dei Minimei (recensione)
-Diana Wynne Jones, Vita stregata (recensione)
-Cressida Cowell, Il tempo dei maghi (recensione, estratto, booktrailer)

ROMANZI DI FANTASCIENZA
-Ken Follet, Il pianeta dei bruchi (recensione)
-Francesca Caldiani, Jonas Grinn (recensione)
-Tommaso Percivale, Human (recensione)
-Madeleine L’Engle, Nelle pieghe del tempo (recensione)
-Philip Reeve, Capolinea per le stelle (recensione)

PER I PIÙ CURIOSI
-Georgia Costa, 22 misteri della storia (recensione)
-Sergio Valzania, Le 20 battaglie che hanno cambiato il mondo (recensione)
-Christian Hill, Che idea! Le invenzioni che hanno cambiato il mondo (recensione)
-Lisa Jane Gillespie, 100 passi nella scienza (recensione e assaggio)
-Piero Genovesi e Sandro Natalini, Per un pugno di ghiande (recensione e assaggio)

Lorenzo il Magnifico

Cara ragazzi di prima, stamattina approfondiremo la figura di Lorenzo De’ Medici, detto il Magnifico, uno dei personaggi più importanti del Rinascimento italiano e ago della bilancia delle questioni politiche del tempo

Se non riesci a visualizzare il video, clicca qui.

Come sappiamo e abbiamo appena visto nel video, Lorenzo è scampato ad un attentato, la congiura De’ Pazzi. Ti ricordi le scritte sui muri che abbiamo visto durante la visita a palazzo Davanzati?

Davanzati_iscrizione_big
Fonte della foto.

Lorenzo non era solo un abile uomo politico, era anche un mecenate, un amante dell’arte e della letteratura e uno scrittore lui stesso. Leggiamo insieme la sua opera più famosa, “Il trionfo di Bacco e Arianna“. Qui sotto troviamo lo stesso episodio illustrato da Annibale Caracci nella Galleria Farnese a Roma.

Rome Palazzo Farnese ceiling Carracci frescos 04.jpg
Di Web Gallery of Art:   Image  Info about artwork, Pubblico dominio, Collegamento

Ecco ora l’interpretazione del Trionfo di Angelo Branduardi:

Ora leggete queste poesie che vi propongo. La prima è di Mimnermo, un poeta dell’antica Grecia:

mimnermo.png

E queste due sono di Orazio, poeta latino:

orazio

Cosa hanno in comune con il Trionfo di Lorenzo il Magnifico? Pensi che il signore di Firenze le conoscesse? Questo cosa può significare?

Non abbiamo ancora finito. Aprite il taccuino e fate lo schema a Y per la poesia che abbiamo appena letto e ascoltato (ormai siete super esperti, ma sei avete qualche dubbio qui ci sono le istruzioni).

Federico II: stupor mundi.

Cari ragazzi di prima, stamattina in classe abbiamo parlato dell’affascinante figura storica di Federico II. Il nipote del Barbarossa fu soprannominato “stupor mundi” proprio per la sua personalità poliedrica (di “multiforme ingegno”… vi ricorda qualcuno?) che nel corso dei secoli ha dato vita ad una serie di miti e di leggende popolari sulla sua vita e le sue azioni. Qui puoi approfondire le sue vicende biografiche.

Qui sotto invece puoi vedere due interessanti lezioni introduttive sul personaggio:

Se non riesci a visualizzare il video, clicca qui.

Ecco una presentazione del castello preferito di Federico II: Castel Del Monte.

Se non riesci a visualizzare il video, clicca qui.

Il passatempo preferito di Federico II: la falconeria.

LA-BAMBINA-COL-FALCONE

 

Se il personaggio di Federico II vi ha incuriosito, vi consiglio la lettura del libro di Bianca Pitzorno “La bambina col falcone“, ambientato proprio durante questo periodo storico.

 

A tutti gli appassionati poi consiglio i due volumi dei “Diari di Federico II”. Per approfondire: diario primo e diario secondo.